Con l’intento di mantenere vivo il ricordo professionale e privato del grande attore, “l’Associazione Culturale Ugo Tognazzi” ha deciso di realizzare, una casa museo, ma anche un luogo di accoglienza per eventi privati, culturali ed enogastronomici, nella sua residenza storica di Velletri, chiamata da sempre “Casa Vecchia” da lui e dagli amici, che erano soliti frequentarla.

“Casa Vecchia” è collocata all’interno della tenuta “La Tognazza”, che l’attore aveva acquistato nei primi anni 60, nelle campagne di Velletri dove ha vissuto fino alla sua scomparsa nel 1990 e dove la famiglia Tognazzi mantiene ancora oggi la propria residenza.

La casa è stata il fulcro di tutta la vita privata e professionale dell’artista, infatti fu proprio all’interno della stessa, che nell’agosto del 1971 Ugo Tognazzi sposò Franca Bettoja e dove quotidianamente in un clima di “convivialità lavorativa” invitava i suoi amici colleghi, attori, registi, sceneggiatori, con cui scriveva, inventava e realizzava la maggior parte delle sceneggiature e dei film poi rimasti a pieno titolo nella storia del cinema italiano.

Da “La donna scimmia” a “La grande abbuffata” con Marco Ferreri, da “Romanzo Popolare” ad “Amici Miei” con Mario Monicelli da “In nome del popolo italiano” di Dino Risi a “Il vizietto “ di Eduard Molinarò’ fino a “La tragedia di un uomo ridicolo” di Bernardo Bertolucci, che gli valse nel 1981 la Palma D’oro a Cannes per la miglio interpretazione.

In questa stessa area ha coltivato costantemente le sue più grandi passioni, la terra e la cucina, realizzando la sua personalissima azienda agricola, e diventando a tutti gli effetti uno dei primi pionieri del km 0 e del biologico, divulgando con grande anticipo su scala nazionale la filosofia gastronomica “dall’orto alla tavola e dall’acino alla bottiglia”, attraverso il cinema, la radio, la Tv, l’editoria e la carta stampata.

Ugo era solito allietare i suoi amici ed ospiti con prelibate e insolite ricette attraverso pranzi e cene basati su menù completamente ideati e preparati da lui, unicamente con i prodotti della sua terra. La trasformazione avveniva nella splendida antica cucina che conserva ancora oggi il sapore ed il calore, del genio delle idee.

Il tempo all’interno sembra essersi fermato, la grande cucina a carbone, il maestoso frigorifero, elemento capace di attirare l’attenzione e che in tutta la sua prorompente maestosità troneggia nell’ambiente.
La sala da pranzo in pietra, ha le sembianze di una cappella, come a voler ricordare l’importanza della tavola e del momento di riunione, come un vero e proprio convivio.

Il soggiorno si sviluppa intorno al camino, ed è collegato alla stanza del biliardo e alla sala proiezioni dove scorrono in sequenza filmati documentari ed immagini originali della sua vita.
L’ultima stanza, non per importanza, è la camera da letto, che oltre a mostrare i suoi oggetti personali e di lavoro, racchiude ricordi fotografici e video della vita privata e della famiglia.
La casa conserva in tutte le stanze l’arredo originale, i ricordi dei giorni trascorsi in compagnia di familiari, amici e colleghi, ed i riconoscimenti che ha ricevuto durante la sua carriera artistica e gastronomica.
In tutte le stanze sono presenti anche le foto che raccontano il vissuto privato e professionale dell’attore, le teche espositive, e una vasta collezione di locandine dei successi cinematografici e teatrali, oltre ai cimeli dei suoi esordi nell’avanspettacolo.

La casa è visitabile in gruppo (da un minimo di 8), contattando e prenotando anticipatamente una visita o un evento dedicato, attraverso la pagina Facebook “ Associazione Culturale Ugo Tognazzi” o attraverso la mail del Sito Ufficiale (www.ugotognazzi.com) o anche individualmente ma unicamente nel giorno di apertura della Casa Museo, tutti i Sabato dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00 dalla fine Settembre a fine Giugno, al costo di 8 euro a persona.